Guida all'acquisto

La legislazione francese disciplina rigorosamente la compravendita immobiliare incentrando ogni attività sul Notaio, il quale riceve tutte le somme in deposito: caparra e saldo. Provvede personalmente al pagamento di eventuali pendenze sull' immobile, comprese le spese condominiali, versa il prezzo o l' eventuale differenza al venditore, garantendo così all' acquirente la piena libertà e proprietà dell' immobile.

Una volta concordato il prezzo, tra le parti, si può redigere il compromesso di vendita.

La Legge SRU, a tutela dell' acquirente, prevede un periodo di recesso di 7 giorni, successivi alla firma del compromesso. L' acquirente può recedere, senza indicare alcun motivo, con semplice comunicazione scritta.

Successivamente al compromesso l' acquirente provvede a versare, sul conto del Notaio, una somma pari al 10% del prezzo a titolo di caparra confirmatoria. Nel caso si voglia acquistare l' immobile ricorrendo ad un mutuo, viene inserita nel compromesso una clausola che, nel caso di mancata erogazione dello stesso, permette di recuperare interamente la caparra versata. Le spese notarili (imposte + compenso del Notaio) sommano in media un 7,5% del prezzo di acquisto. Nel caso di immobili in costruzione o con meno di 5 anni sommano in media un 2,5 - 3%.

 

Mutui

La procedura per accedere ad un mutuo francese, anche per un cittadino italiano è molto semplice.

Si presenta una domanda sulla quale sono riportati i dati anagrafici e patrimoniali dell' acquirente e dell' immobile in oggetto. Il richiedente deve indicare l' ammontare della somma richiesta, la durata del mutuo, intestatari ed eventuali usufruttuari dell' immobile. Alla domanda devono essere allegati una serie di documenti anagrafici e patrimoniali. Una volta presentata l' intera documentazione, l' ente erogante in circa 10 giorni invia una proposta di mutuo che descrive dettagliatamente le caratteristiche del finanziamento (ammontare della somma erogata, durata, importo di ogni singola rata suddiviso in quota interessi e quota capitale, modalità di pagamento, ...). Il richiedente ha tempo 10 giorni per studiare attentamente la proposta e decidere se accettarla. In caso affermativo sarà sufficiente inviare il modulo di accettazione alla Banca ed attendere l' erogazione del finanziamento per poter rogitare l' immobile.

 

Le Tasse

Dal 1992, le tasse che gravano sugli immobili acquistati in territorio francese, si pagano solo in Francia:

  • TAXE FONCIERE (tassa fondiaria), una tassa a livello locale (come la nostra ICI), che si paga ogni anno in Ottobre ed è a carico del proprietario
  • TAXE D’ HABITATION (tassa d' abitazione), una tassa a livello nazionale, calcolata in base al valore locativo catastale, ed include tutti i servizi del Comune. Viene pagata ad Ottobre da chi occupa effettivamente l’ alloggio (in caso di locazione dall’ inquilino)

 

La Rendita locativa

Il mercato degli affitti in Francia è molto attivo, in quanto i proprietari di prime case sono percentualmente inferiori rispetto all’ Italia. La Costa Azzurra, inoltre, è una zona a fortissima ricettività turistica. Nizza, infine, è una città universitaria con oltre 40.000 studenti.

Anche la legislazione in materia di locazioni, garantisce al proprietario la massima tutela, e, in caso di morosità, si addiviene allo sfratto esecutivo in tempi brevissimi.

 

IN SINTESI I VANTAGGI DELL’ ACQUISTO IMMOBILIARE IN COSTA AZZURRA:
  • legislazione a totale garanzia dell’ acquirente
  • responsabilità legale del Notaio
  • minori costi sull’ acquisto
  • tasse sugli immobili mediamente più basse che in Italia
  • rendite locative alte e fortemente tutelate
  • ottima rivalutazione dell’immobile
  • nessuna provvigione da pagare per la mediazione!
 
Copyright Immo Araldo